ORISSA: LE ULTIME TRIBU' DELL'INDIA

INDIA | ORISSA: LE ULTIME TRIBU' DELL'INDIA

A partire da 3200 €

DURATA
PARTECIPANTI
14 Giorni (13 Notti) Minimo: 10 / Massimo: 12
DATA PARTENZA
LA PARTENZA E'
04 Novembre 2024
30 Dicembre 2024
PREZZI A PARTIRE DA:
Quota base individuale
3200 €
Una regione poco conosciuta, ma tra le più interessanti dell’India. Un’area che suscita la curiosità non solo per chi ama incontrare etnie, mercati e villaggi abitati da tribù che hanno mantenuto usi e costumi tradizionali, ma anche per gli appassionati di arte e cultura induista. Infatti, in Orissa si trovano alcuni dei luoghi più sacri agli Indù: i templi di Bhubaneshwar, il tempio di Joranda con i sadhu della setta Mahima, la città sacra di Puri, il maestoso Tempio del Sole di Konark (UNESCO). Tra le foreste dell’interno,

Perché Noi

  • i templi medievali di Bhubaneshwar
  • il tempio del Sole di Konark (UNESCO)
  • la città santa di Puri
  • i villaggi e i mercati delle tribù adivasi (Bonda, Gadhaba, Mallia Kondh, Paroja, Olla Godha, Bhatara, Bhumiya…)
  • il tempio di Joranda con i sadhu adoratori del fuoco della setta Mahima

I nostri Esperti

Day by Day

Giorno 1

Italia - Delhi

Partenza dall’Italia per Delhi con voli via scalo intermedio. Arrivo a Delhi dopo la mezzanotte, disbrigo delle formalità d’ingresso, accoglienza e trasferimento in hotel nei pressi dell’aeroporto. Pasti a bordo. Pernottamento in hotel.  

Giorno 2

Volo Delhi - Bhubaneshwar (il "Serbatoio delle gocce dell'oceano")

Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto per l’imbarco sul volo domestico per Bhubaneswar. Arrivo a Bhubaneswar in tarda mattinata oppure nel primo pomeriggio. Un tempo capitale dell’impero Kalinga, Bhubaneshwar conserva molti siti che testimoniano la sua importanza all’epoca in cui i Kalinga dominavano queste terre. Visita di alcuni dei templi medioevali tra i 500 che circondano il lago sacro Bindu Sagar, il “Serbatoio delle gocce dell’oceano”, il luogo ideale per mondare i propri peccati. Impressionante il Tempio di Lingaraja (visita solo dall’esterno perché ai
Giorno 3

Bhubaneshwar e dintorni (il Museo Tribale, le Grotte di Udayagiri e Khandagiri e l'editto di Ahoka)

Dopo la prima colazione ancora un’intera giornata dedicata a Bhubaneswar e dintorni. Si inizia con la visita del Museo Tribale, imprescindibile per chi si reca nelle zone tribali dell’Orissa. Nelle gallerie ben illuminate sono esposti abiti, ornamenti, armi, utensili casalinghi e strumenti musicali delle varie etnie. Alle spalle delle gallerie sono state ricostruite cinque case tipiche dei villaggi tribali, per illustrarne la vita tradizionale. Visita delle Grotte di Udayagiri e Khandagiri, due colline che si trovano pochi chilometri a ovest della città, caratterizzate da numerosi rifugi
Giorno 4

Bhubaneshwar - Nuapatna - Joranda - Dhenkanal (la setta induista dei Mahima Sadhus)

Dopo la prima colazione partenza per Nuaptna, un villaggio di tessitori famoso per la produzione dell’“ikat”, un tessuto tradizionale ottenuto con la tecnica della “tintura a riserva”, dove parti dei filati vengono protette tramite una stretta legatura per non essere tinte, mentre le parti non legate si colorano. Si prosegue per Joranda, per lo straordinario incontro con la setta induista dei Mahima Sadhus, i cui appartenenti sono contro l’idolatria e si coprono le nudità con la corteccia degli alberi. Partecipazione alla suggestiva cerimonia del fuoco. Arrivo in serata nella
Giorno 5

Dhenkanal - Hirapur - Raghurajpur - Puri (il Tempio delle 64 Yogini e il villaggio degli artisti)

Dopo la prima colazione partenza verso sud per Puri. Lungo il percorso sosta nel villaggio di Hirapur per la visita del Tempio delle 64 Yogini: un rarissimo tempio dalla bassa struttura circolare, a cielo aperto, che contiene 64 nicchie con rispettive statue di divinità femminili in clorite nera, se ne contano solo quattro di questo tipo in tutta l’India. Si prosegue per l’affascinante villaggio di Raghurajpur, costituto da due strade fiancheggiate da casette di mattoni con tetti in paglia, decorate con murales che raffigurano motivi geometrici e scene mitologiche. Sembra che nel
Giorno 6

Puri - Konark - Puri (il Tempio del Sole e il Tempio di Jagannath)

Dopo la prima colazione partenza verso est per il Tempio del Sole di Konark (Patrimonio dell’Umanità UNESC0), una meraviglia architettonica consacrata a Surya, il Dio del Sole. Costruito nel XIII sec., probabilmente dal re dell’Orissa Narashimhadev I per celebrare la sua vittoria militare contro i musulmani, si specchia nelle acque blu del Golfo del Bengala. L’intero tempio fu concepito come il carro cosmico di Surya. Sette possenti cavalli (che simboleggiano i giorni della settimana) s’impennano nello sforzo di muovere il colosso di roccia sulle ventiquattro ruote di un carro in
Giorno 7

Puri - Manglajodi - Gopalpur (il lago Chilika)

Dopo la prima colazione partenza verso ovest per la località di Mangaljodi, una zona umida situata sulla sponda settentrionale del Lago Chilika. Il lago, la più estesa laguna costiera dell’India, separato dal Golfo del Bengala da una striscia di sabbia lunga 60 km, è famoso per gli uccelli migratori che vi arrivano d’inverno.  Escursione in barca a remi per osservare l’habitat naturale e gli uccelli. Proseguimento verso sud attraverso paesaggi campestri e villaggi hindu tradizionali costeggiando il lago Chilika. Si arriva infine a Gopalpur, in passato un’importante località
Giorno 8

Gopalpur - Phulbani (i villaggi dell'etnia Malliah Kondh)

Dopo la prima colazione partenza verso nord per Phulbani. Si entra nella zona tribale dell’Orissa, in particolare nella regione abitata dall’etnia Malliah Kondh. I gruppi tribali dell’Orissa sono tutti discendenti dagli Adivasi, gli abitanti originari dell'India, che già vivevano in questi luoghi 3000 anni fa, prima dell’arrivo degli Ari. Nel pomeriggio visita di alcuni villaggi nei pressi di Phulbani. Pensione completa. Pernottamento in semplice hotel. 

Giorno 9

Phulbani - Baliguda - Kotgarh - Rayagada (le donne dai visi tatuati e il mercato dei Kutia Kondh)

Presto al mattino, dopo la prima colazione, partenza verso sud-ovest per Rayagada. Lungo il percorso, nei pressi di Baliguda, sosta in un villaggio di etnia Malliah Kondh famoso per i tatuaggi facciali delle donne. Fra le tribù Kondh è assai diffusa la convinzione che esistano delle persone capaci di sviluppare nel corso della propria vita il potere di trasformarsi in una tigre o in un leopardo con l’intento di assalire e uccidere un loro nemico. In via generale si ritiene che il potere di mutarsi in un grande felino tragga vigore dal desiderio di vendetta suscitato da frustrazioni,
Giorno 10

Rayagada - Chati Kona - Jeypore (il mercato settimanale dei Dongariya Kondh)

Dopo la prima colazione partenza verso nord per Chati Kona, sempre attraverso paesaggi collinari ricchi di vegetazione, per visitare il pittoresco mercato settimanale frequentato dall’etnia Dongariya Kondh che si tiene il mercoledì. Nei pressi del villaggio, lungo la strada principale si incontrano gruppi di donne, cariche di prodotti locali, che scendendo dai villaggi più nascosti delle colline Niyamgiri. In tarda mattinata si rientra a Rayagada per il pranzo. Nel primo pomeriggio partenza per Jeypore, centro commerciale del distretto di Koraput. Arrivo a Jeypore. Pensione completa.
Giorno 11

Jeypore - Onkudelli - Jeypore (il mercato settimanale dei Bonda)

Mattinata dedicata alla scoperta della tribù Bonda, detta anche popolo nudo, perché le donne indossano soltanto una striscia di stoffa intorno ai fianchi, pesanti collari di metallo intorno a collo, polsi e caviglie e lunghe file di perline che coprono i seni nudi. Ridotti a qualche migliaio di individui, concentrati esclusivamente in questa zona, sono una tribù fra le meno integrate anche grazie alla propria autosufficienza e alla difficile lingua parlata. Hanno sviluppato infatti un’efficiente tecnica di coltivazione del riso a terrazze sulle pendici delle colline. Dopo la prima
Giorno 12

Jeypore - Kunduli - Semiliguda (il mercato settimanale dell'etnia Paroja)

Dopo la prima colazione partenza verso su-est per il mercato di Kunduli dove si tiene un mercato settimanale molto vasto suddiviso in diverse aree merceologiche: bestiame, frutta e verdura, abiti, cesti, spezie, cibo da strada, liquori fabbricati artigianalmente… Il mercato è frequentato dalle etnie Paroja e Olla Godha. Nel pomeriggio visita di un villaggio dell’etnia Paroja dove abili artigiani lavorano la ceramica. Nel tardo pomeriggio arrivo a Semiliguda. Pensione completa. Pernottamento in hotel. 

Giorno 13

Semiliguda - Vishakpatnam - volo per Delhi (il mercato del bestiame)

Dopo la prima colazione partenza per Vishak, così viene abitualmente chiamata Vishakpatnam, città costiera e centro industriale in rapida crescita. Lungo il percorso sosta per una breve visita del mercato del bestiame che si tiene ogni sabato poco oltre il confine tra Orissa e Andhra Pradesh. Pranzo lungo il percorso. Nel pomeriggio arrivo all’aeroporto di Vishakpatnam in tempo utile per l’imbarco sul volo per Delhi. Arrivo all’aeroporto di Delhi, ritiro dei bagagli e trasferimento al terminal delle partenze internazionali. Mezza pensione (pranzo in ristorante, cena libera).
Giorno 14

Delhi - Italia

Dopo la mezzanotte imbarco sul volo di linea per il rientro in Italia via scalo intermedio. L’arrivo è previsto in tarda mattinata.