CASE DI CORALLO E I TESORI PERDUTI DELL'ANTICA HEGRA

Hegra, Arabia Saudita

ARABIA SAUDITA | CASE DI CORALLO E I TESORI PERDUTI DELL'ANTICA HEGRA

A partire da 4950 €

DURATA
PARTECIPANTI
8 Giorni (7 Notti) Minimo: 10 / Massimo: 14
DATA PARTENZA
LA PARTENZA E'
26 Ottobre 2024
30 Novembre 2024
28 Settembre 2024
PREZZI A PARTIRE DA:
Quota base individuale
4950 €

Perché Noi

  • il viaggio è una proposta per scoprire con calma le essenziali bellezze di una delle ultime frontiere del turismo
  • ben tre notti in campo tendato ad Al Ula, l'oasi nel deserto dove c'è la maggior concentrazione di siti archeologici e bellezze naturali
  • visita del sito archeologico Nabateo di Hegra, la Petra del deserto
  • visita del sito archeologico di Dedan e delle antiche iscrizioni di Ikmah
  • alla scoperta in 4x4 della stupefacente Hisma Valley e della Disah Valley con le sue formazioni di arenaria
  • visita di Medina, la città santa sinora inaccessibile ai non fedeli
  • la tradizionale Jeddah, con il quartiere storico di Al Balad
 

I nostri Esperti

Day by Day

Giorno 1

Partenza dall'Italia per l'Arabia Saudita

Partenza da Milano Malpensa per l’Arabia Saudita con volo di linea diretto o via scalo internazionale. Cena a bordo e arrivo in tarda serata a Jeddah. Accoglienza da parte del corrispondente locale dopo il disbrigo delle pratiche doganali. Trasferimento privato in hotel e pernottamento.  NB: In caso di volo con scalo, è prevista anche la partenza da Roma senza supplemento tariffario. In caso di partenza da altri aeroporti italiani, c’è la possibilità di unirsi direttamente al gruppo presso l’aeroporto di scalo, con supplemento tariffario e in base alla disponibilità. 

Giorno 2

I volti di Jeddah, dal mercato del pesce allo storico quartiere di Al Balad

Prima colazione in hotel e giornata dedicata alla visita di Jeddah.Situata nel Mar Rosso, la città era originariamente un villaggio di pescatori. Nel 647 d.C. il califfo musulmano ‘Uthmān B. ‘Affān la trasformò in un porto per i pellegrini musulmani che vi transitavano durante il viaggio che li portava alla Mecca. Ancora oggi Jeddah è un crocevia per milioni di pellegrini che arrivano in aereo o via mare. Negli ultimi anni, come molte altre città della penisola arabica, ha visto un notevole sviluppo urbanistico, anche se più tradizionale e, salvo lungo la corniche, evitando di
Giorno 3

Volo per Tabuk e le dune di sabbia della Hisma Valley

Dopo colazione trasferimento privato in aeroporto per il volo domestico per Tabuk, importante centro commerciale non distante dal confine con la Giordania, nel nord ovest del Paese. Il geografo greco Tolomeo, in alcune sue opere, fa cenno ad una località chiamata "Tabawa", situata nella parte nordoccidentale della Penisola Arabica, che sembra coincidere con la Tabuk odierna. Negli ultimi anni la città è letteralmente esplosa a livello urbanistico ed è cresciuta molto a livello economico e commerciale. Soprattutto, è il principale punto di partenza per la regione del nord ovest, una delle
Giorno 4

Emozionante traversata della Disah Valley fino ad AlUla

Prima colazione in hotel e partenza con mezzi 4x4 per AlUla attraverso uno dei percorsi più belli del viaggio: la Disah Valley. Per raggiungerla scendiamo verso sud, visitando lungo la strada lo spettacolare Shaq Canyon, dove sono state rinvenute anche delle tombe risalenti all’età del bronzo; poi ci inoltriamo nell’entroterra fino ad arrivare ad Al Disah, un piccolo paesino all’imbocco del canyon, lungo il quale si svilupperà la nostra pista. Stretta tra scoscese pareti di arenaria, circondata da formazioni rocciose spettacolari, è davvero molto diversa dai luoghi attraversati il
Giorno 5 - 6

L'antica Hegra, la Petra dimenticata tra le sabbie, la necropoli di Dadan e i petroglifi di Ikhmah

Due giornate davvero intense nell’Oasi di AlUla. Uno di quei luoghi al mondo in cui abbiamo imparato ad apprezzare il tempo lento da dedicare, per non perdere nessuna occasione e neppure la magia che avvolge questi posti. Inizieremo le visite dopo le colazioni al campo, i pranzi li prevediamo sempre in tipiche farm o ristoranti locali e le cene nuovamente al campo tendato. Iniziamo da “Lei”, tanto attesa: Mada'in Saleh. Un luogo di profonda bellezza e carico di suggestioni per il connubio estremo tra la natura e l’opera dell’uomo. Primo sito patrimonio Unesco dell’Arabia Saudita,
Giorno 7

Medina, la città santa del Profeta, e treno veloce per Jeddah

Dopo colazione, lasciamo AlUla e i suoi gioielli archeologici per riprendere la nostra strada verso sud, questa volta a bordo di un pulmino. In tarda mattinata entreremo in quella che è considerata una delle due città sante, assieme alla Mecca, dell’Islam.Medina è il luogo in cui il profeta Maometto visse e insegnò dopo la migrazione dalla Mecca nel 622 d.C., chiamato Hijrah (Egira). Quest'anno è così importante nella storia islamica che segna l'inizio del calendario e, da allora, la città - precedentemente nota come Yathrib - iniziò ad essere chiamata Madīnat al-Nabī, la città
Giorno 8

Rientro in Italia

In nottata o di prima mattina, a seconda dell’operativo aereo, trasferimento privato in aeroporto per il volo internazionale di linea per l’Italia. Arrivo in Italia in giornata e fine del viaggio.             1. La moderna Riyadh3. Gli spettacolari paesaggi della Disah Valley 2. I palazzi del quartiere Al Balad, Jeddah4. Sabbia e formazioni di arenaria nei pressi di Al Ula